I principali stili dei vini rossi


Catalogando un vino come “rosso” rischieremmo di apparire come troppo generici e superficiali, in quanto all’interno dei vini rossi vige un mondo di sfumature che potrebbe impressionare anche gli addetti al settore del vino. Per tale motivo, con questo articolo cerchiamo di definire questo stile di vino che risulta essere, a conti fatti, tra i più interessanti ed apprezzati.

INDICE

Vini rossi leggeri e immediati

Si tratta di vini che fanno dell’immediatezza e della piacevolezza d’insieme la loro caratteristica fondante. In genere, questi vini presentano un colore rosso tenue che, nella maggior parte dei casi, tende al porpora. Al palato, hanno un carattere che vira verso le durezze, con una bella freschezza ed un tannino irruente.

  • Petit Rouge – varietà a bacca rossa della Valle d’Aosta, dal colore rosso porpora e dai profumi pepati e piccanti.
  • Schiava – vitigno cardine del Santa Maddalena (Alto Adige), si tratta di un vino profumato di frutta e beverino.
  • Ruchè – una delle varietà più storiche del Piemonte, eccelle per i suoi profumi floreali e di pepe nero.
  • Gamay – corpo leggero, fruttato e talvolta terroso, è una varietà piuttosto diffusa in Francia e in Italia.
  • Zweigelt – è l’uva a bacca rossa principale di Germania e Austria, è un vino equilibrato e dalla spiccata freschezza.
  • Rossese – uva ligure dall’eleganza transalpina, fa leva sui suoi profumi suadenti di fragola, origano e olive nere.
  • Poulsard – uva dello Jura, ha un colore rosso pallido – quasi rosa – e dei profumi delicati di fragolina di bosco.
  • Beaujolais Noveau – o vino novello, sono vini dai profumi di lampone e smalto prodotti con la macerazione carbonica.
  • Bobal – apprezzatissima uva spagnola, esprime morbidezza, tannini vellutati ed un finale armonico.
  • Blaufränkisch – uva diffusa in Austria e Germania, nei primi anni di vita esprime tutto il suo carattere fruttato e fragrante.

Vini rossi equilibrati

Parliamo di tutti quei vini che basano il loro successo sul meraviglioso equilibrio che propongono tra durezze – tannino, acidi e salinità – e morbidezze – alcol e polialcoli –. Sono tendenzialmente vini dal colore rosso rubino, con profumi fruttati ma, al contempo, speziati, un sorso piacevole ed una buona propensione ad evolvere bene.

  • Grenache – varietà a bacca rossa della Valle d’Aosta, dal colore rosso porpora e dai profumi pepati e piccanti.
  • Valpolicella Classico – vitigno cardine del Santa Maddalena (Alto Adige), si tratta di un vino profumato di frutta e beverino.
  • Mazzon Pinot Nero – una delle varietà più storiche del Piemonte, eccelle per i suoi profumi floreali e di pepe nero.
  • Etna Rosso – corpo leggero, fruttato e talvolta terroso, è una varietà piuttosto diffusa in Francia e in Italia.
  • Romagna Sangiovese – è l’uva a bacca rossa principale di Germania e Austria, è un vino equilibrato e dalla spiccata.
  • Malbech – uva ligure dall’eleganza transalpina, fa leva sui suoi profumi suadenti di fragola, origano e olive nere.
  • Baga – uva poco nota diffusa in Spagna e Portogallo, ha un corpo morbido e profumi di spezie dolci.
  • Pinotage – o vino novello, sono vini dai profumi di lampone e smalto prodotti con la macerazione carbonica.
  • Carménère – apprezzatissima uva spagnola, esprime morbidezza, tannini vellutati ed un finale armonico.
  • Zinfandel – uva diffusa in Austria e Germania, nei primi anni di vita esprime tutto il suo carattere fruttato e fragrante.

Vini rossi strutturati e potenti

Siamo allo step successivo, di conseguenza stiamo parlando di vini che evidenziano un carattere più evoluto sia al naso – con profumi che virano verso note più terziarie – che al corpo, con una maggiore capacità evolutiva. Andiamo a scoprire di quali vini stiamo parlando.

  • Sagrantino – vino rosso dalla straripante potenza tannica e dai profumi di frutta scura, cuoio e tabacco.
  • Aglianico del Vulture – il vino ha un colore quasi tendente al nero, i profumi sono coerenti e quindi maturi e terziari.
  • Nero d’Avola – vitigno spesso bistrattato per la sua facilità di coltivazione, al meglio ha profumi di grafite ed un sorso denso.
  • Cannonau – in Sardegna è il porta bandiera, il suo alcol è preponderante e la sua persistenza è speziata e tostata.
  • Cabernet Franc – soprattutto quello bordolese, dove in blend porta i suoi profumi di erba tagliata e discreta morbidezza.
  • Tannat – grande vitigno del Sud Ovest francese, si contende con il Sagrantino il premio di “tannicità più irruente al mondo”.
  • Château Musar – celebre uvaggio bordolese del Libano, dove Cabernet e Merlot producono un vino consistente e denso.
  • Tempranillo – è la varietà per eccellenza della Spagna, dove assume un carattere sontuoso ed un sorso persistente.
  • Mencia – uva poco nota diffusa in Spagna e Portogallo, ha un corpo morbido e profumi di spezie dolci.
  • Limnio – uva greca a bacca nera che si esalta per il suo alcol, per i suoi aromi di caffè e di cacao.

Grandi vini rossi mondiali

Il meglio che il panorama vitivinicolo mondiale possa offrirci. Stiamo parlando di vini rossi suadenti e potenti, aromatici e penetranti, vini che vengono contesi tra i collezionisti di tutto il mondo che sono pronti a tutto per accaparrarsi bottiglie appartenenti a questa categoria.

  • Barolo – il Re dei vini, il vino dei Re. Il Barolo è un nettare che combina potenza e finezza in modo entusiasmante.
  • Brunello di Montalcino – Insieme al Barolo uno dei più grandi vini italiani, un Sangiovese di forza, aromaticità ed eleganza.
  • Taurasi – definito il Barolo del Sud, il Taurasi è una versione di Aglianico densa, consistente e dai profumi affumicati.
  • Amarone della Valpolicella – Altra eccellenza nostrana, questo vino ottenuto da uve appassite è cremoso e complesso.
  • Borgogna – il migliore Pinot Noir esistente al mondo, un vino con un’eleganza senza eguali al mondo.
  • Bordeaux – con il Borgogna si contende lo scettro di Francia, è un vino potente, penetrante e verticale.
  • Hermitage – qui è dove il Syrah si esalta, con i suoi profumi intensi e complessi e con il suo sorso vibrante e vulcanico.
  • Châteauneuf du Pape – qui il Grenache eccelle con il suo carattere soave e morbido, dai toni dolci e fruttati.
  • Priorat – altra grande versione di Grenache, dove qui, in Spagna, incanta gli appassionati di vino con i suoi profumi vanigliati.
  • Rioja – il migliore Tempranillo del mondo, un vino dai profumi di frutta nera e cedro e dal tannino grintoso e preponderante.
  • Shiraz – la Syrah australiana, che qui presenta un corpo robusto, una decisa dotazione alcolica e profumi avvolgenti.

Vini rossi dolci

Siamo quasi giunti al termine di questo articolo e ti parlerò di vini rossi prodotti da uve a bacca nera. Si tratta generalmente di prodotti che affascinano per i profumi di frutta sotto spirito, confettura e datteri, con un sorso alcolico quanto basta e spesso sorretto da una piacevole acidità fruttata, fino a raggiungere un carattere più imponente nei vini liquorosi e negli icewine. Andiamo a scoprirli!

  • Moscato di Scanzo – perla enologica del bergamasco, si tratta di un vino da profilo granato e dai profumi di cioccolato.
  • Aleatico Passito – questa chicca elbana da omonima uva ha una dolcezza sorretta da una bellissima acidità.
  • Recioto della Valpolicella – vino dolce veronese opulento, sontuoso e dal tannino graffiante.
  • Marsala Rosso – vino liquoroso di spessore gustativo, coniuga profondità gustativa alla persistenza aromatica intensa.
  • Porto – il migliore vino liquoroso mondiale, che nella versione “Vintage” assume la fisionomia del fuoriclasse.
  • Banyuls – appartenente alla categoria dei Vin Doux Naturel, il Banyuls è un’eccellenza enologica francese.
  • Maury – fratello meno celebre del Banyuls, ha aromi terrosi e di cuoio, il giusto grado alcolico e discreta sapidità.
  • Sherry Moscatel – vino a tratti eccessivamente denso e corposo, ha profumi incantevoli ed una grande complessità.
  • Icewine – vini rossi in cui il più delle volte il Cabernet Franc eccelle combinando in modo deciso morbidezze e durezze.

Considerazioni finali

Il vino rosso è un prodotto estremamente affascinante per le mille sfumature gustative ed olfattive che riesce ad esprimere al calice; i rossi più leggeri sono semplici ma piacevoli, salendo di struttura incontriamo prodotti più impegnativi ed affascinanti, che raggiungono il loro culmine nei grandi vini rossi e nei vini dolci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *